Search
  • Luigi Gioia

Dare a ciascuno la sua voce

AUDIO


Il 15 settembre 1993, nella città di Palermo, in Sicilia, un uomo di 56 anni fu ucciso fuori casa da un solo proiettile sparato a bruciapelo. Uno dei sicari che lo uccisero in seguito si pentì e rivelò che la vittima gli sorrise e che la sua ultima parola fu "Ti stavo aspettando". La vittima era don Pino Puglisi, parroco di Brancaccio, una delle zone più povere della città, fortemente controllata dalla mafia.

All'inizio degli anni Novanta in Italia diversi giudici e procuratori eccezionalmente coraggiosi iniziarono a sfidare la mafia con un'energia senza precedenti, nonostante l'inerzia di una classe politica completamente corrotta che stava per essere interamente spazzata via da Mani Pulite. Una delle principali strategie della mafia fino a quel momento era stata la sua avversione alle manifestazioni pubbliche di forza. Viveva nell'oscurità, faceva affidamento sull’omertà, la connivenza profondamente radicata nella società, motivata da interesse e paura. Non era raro sentire politici e vescovi negare persino che la mafia esistesse.

Poi, all'improvviso, l'organizzazione criminale ricorse a due enormi esplosioni per assassinare i giudici Falcone e Borsellino. Lo shock universale generato da questi eventi dimostrò che la mafia si sentiva minacciata come mai prima di allora.

Rispetto a questi omicidi di alto profilo, l'uccisione del presbitero siciliano potrebbe essere passata inosservata, soprattutto perché la mafia cercò di farla sembrare una rapina di un tossicodipendente andata male. Invece, l'emozione fu senza precedenti. Mai prima la mafia aveva ucciso un prete. Papa Giovanni Paolo II condannò l'omicidio e lo sconosciuto parroco divenne un eroe nazionale beatificato come martire pochi anni dopo. Non solo i sicari, ma anche i mandanti furono rapidamente assicurati alla giustizia e condannati all’ergastolo. Anche se la mafia è ancora una potente organizzazione criminale internazionale, la sua influenza sulla vita pubblica siciliana e italiana non è mai stata la stessa dopo questi eventi. La gente comune iniziò a rompere il muro dell'omertà che fino a quel momento era stato il vantaggio più duraturo della mafia.

Per gran parte della sua vita, come Giovanni Battista, don Pino Puglisi era stato una "voce solitaria, anticonformista e scomoda che gridava nel deserto". Era mite, parlava senza enfasi, semplicemente, ma forte e chiara era la sua denuncia della cultura che aveva permesso alla mafia di prosperare, e soprattutto della sua pretesa di rispettabilità.

A molti giovani disoccupati e senza prospettive, la mafia offriva non solo la promessa di guadagni facili attraverso lo spaccio di droga e la vendita di sigarette di contrabbando, ma soprattutto un'identità e un'appartenenza riconoscibili che conferivano status, comandavano rispetto e incutevano timore.

Come era stato possibile che un prete marginale e indifeso potesse essere percepito come una minaccia da una delle più formidabili organizzazioni criminali del mondo? Proprio facendo quello che il profeta Isaia descrive nella sua prima lettura: annunciò la libertà a chi era oppresso dalla paura di ritorsioni, impedì attivamente che i giovani fossero attratti nell'orbita gravitazionale della mafia aiutandoli a non abbandonare la scuola, offrendo loro modelli di vita alternativi, creando un ambiente sano dove potersi riunire e giocare in sicurezza. In questo modo compromise il facile reclutamento di manodopera per l'organizzazione criminale.

Tuttavia, l’aspetto della sua azione che più profondamente irritava la mafia, era la sua capacità di incrinare la sua pretesa di rispettabilità. Il potere principale di P. Puglisi stava nella sua voce, nella libertà con cui parlava nelle sue prediche e nel suo insegnamento. Era totalmente schietto, diceva le cose che tutti avevano paura anche solo di sussurrare, "portando così buone notizie agli oppressi, fasciando i cuori spezzati, confortando coloro che piangevano" (Is 61,1). Poteva liberare le persone perché la sua fede lo rendeva un uomo libero dalla paura della morte e della rappresaglia.

Qual era il segreto del suo straordinario coraggio? Da dove la sua voce e la sua testimonianza trassero la loro capacità di “riparare le città in rovina, le devastazioni di molte generazioni” (Is 61, 4), come dice Isaia?

La risposta viene da un passaggio in 2 Corinzi dove Paolo benedice "il Padre della compassione e di ogni consolazione" perché lo ha consolato in tutte le sue afflizioni, e in questo modo gli ha permesso di "consolare coloro che sono in qualsiasi afflizione, con la consolazione con la quale [egli stesso fu] consolato da Dio ”(2 Cor 1, 3s.). La parola ‘consolazione’ in greco è paraclesis e può essere tradotta in italiano come “fare da avvocato”, una parola che etimologicamente significa "voce a favore di" (ad + vox). Qui sta il segreto della straordinaria potenza della voce di p. Puglisi, del suo ruolo di “ad-voc-ato”.

Come Giovanni Battista, non si considerava come il salvatore delle persone a lui affidate: come poteva qualcuno che sapeva di poter essere ucciso da un momento all'altro - e alla fine lo fu - salvare nessun altro? Si considerava semplicemente come un testimone della luce, come la voce, l'“avvocato”, la “voce che parla in vece di, a favore di”.

Sapeva come fare appello alla coscienza delle persone. Una delle sue frasi preferite era "Se tutti fanno qualcosa, allora possiamo fare molto". L'uomo che lo uccise si pentì e si convertì ed è per questo che conosciamo le ultime parole di P. Puglisi prima di morire.

Fare da avvocato, tuttavia, è molto di più che parlare semplicemente in vece o in difesa di qualcuno. In molti modi questo può finire per indebolire le persone ancora di più, rendendole dipendenti da noi. Se fosse stato così, alla morte di P. Puglisi, tutto ciò che aveva cercato di costruire sarebbe finito con lui. Invece ha capito che fare da avvocato, significa "dare voce", cioè aiutare tutti a trovare la propria voce, insegnare alle persone come farsi sentire, capire i propri diritti, esprimere le proprie opinioni.

Proprio come con il razzismo, nella maggior parte dei nostri dibattiti sulla criminalità oggi, poche persone comprendono veramente le vere ragioni della maggiore propensione alla delinquenza tra le minoranze etniche, gli immigrati e le persone svantaggiate. Chiunque sia cresciuto in un ambiente stabile, in termini di famiglia, paese, istruzione e vantaggio economico, abbia goduto del privilegio di un'istruzione, imparato a scrivere e parlare, formare un'opinione e difendere un argomento non potrà mai capire completamente il senso di impotenza provato dalle persone che abbandonano la scuola a 10 anni, riescono a malapena a leggere, crescono in famiglie violente, vengono respinti perché non sanno adattarsi, imparano fin dalla tenera età che l'unico modo per guadagnare riconoscimento è schierarsi con le persone che possono insegnarti come essere temuto dagli altri e offrirti protezione, a qualunque costo.

La maggior parte di noi ha avuto "paracleti", persone che sono state i nostri "avvocati" non solo sostenendoci, ma soprattutto confermandoci nei nodi cruciali della nostra vita in modo che potessimo trovare la nostra voce, essere noi stessi gli avvocati delle nostre vite e dei nostri diritti e per difendere le cause in cui crediamo.

La profezia di Isaia e le dichiarazioni di Giovanni Battista ci insegnano che se nessuno ti ha mai confermato, non sarai mai in grado di confermare te stesso, per non parlare degli altri - se non hai mai avuto alcun paracleto, cioè se nessuno ti ha fatto da avvocato, non sarai mai in grado per fare da avvocato a te stesso, figuriamoci agli altri.

Questo è il motivo per cui Isaia non inizia dicendo che dovremmo “portare la buona notizia agli oppressi, fasciare i cuori spezzati, proclamare la libertà ai prigionieri; confortare tutti coloro che piangono ", ma - e questo è fondamentale - che dobbiamo prima di tutto lasciare che il Signore – o qualcuno per lui- faccia questo per ognuno di noi. Solo dopo che il Signore ha provveduto per noi, si dice che "loro", cioè coloro che sono stati consolati in questo modo, saranno a loro volta in grado di "riedificare le rovine antiche, ricostruire i vecchi ruderi, restaurare le citta desolate, i luoghi devastati dalle generazioni precedenti” (Is 61, 4)

L'Avvento è il momento per riconoscere il modo in cui siamo stati consolati, affermati, sostenuti nella nostra vita ed essere grati per questo, unendoci al rendimento di grazie di Isaia: “Io gioisco pienamente nel Signore, la mia anima esulta nel mio Dio, perché mi ha rivestito delle vesti della salvezza, mi ha avvolto con il mantello della giustizia, come uno sposo si mette il diadema e come una sposa si adorna di gioielli” (Is 61, 10). Sulla scia di questo riconoscimento, dovremmo quindi cercare i modi in cui noi, a nostra volta, possiamo diventare i paracleti, i consolatori, gli avvocati dei nostri fratelli e sorelle - non solo essendo le loro voci, ma aiutandoli a trovare la loro voce nelle difficili situazioni della loro vita. In questo preciso momento, tutt'intorno a noi, ci sono persone che non si sentono sicure di sé, stanno affrontando decisioni che cambiano la loro vita, affrontano malattie, disabilità o lutto, hanno problemi di salute mentale, sono in difficoltà emotivamente. Persone che non capiscono cosa stia succedendo nella loro vita perché si sentono paralizzate. Persone che non hanno accesso a benefici, opportunità di lavoro, servizi perché non sanno nemmeno da dove cominciare e come cercare aiuto. Persone che hanno solo bisogno di essere ascoltate.

Consolare significa “fare da avvocato”. Questo ci richiede di riconoscere i doni che abbiamo ricevuto, essere gioiosi e grati per loro e chiederci come possiamo usarli per "restaurare le citta desolate", migliorare vite distrutte o minacciate. Non ci vuole molto. Dobbiamo solo ascoltare le persone senza giudizio, fornire loro informazioni e guida in base alle nostre competenze, insegnare loro a esplorare le loro opzioni, confermarle nelle loro decisioni, aiutarle ad esprimere i loro bisogni, essere lì per loro.

Questo sarà il nostro modo di essere testimoni della luce, proprio come hanno fatto Isaia e Giovanni Battista. Non siamo la luce, né il messia, non siamo profeti come lo era padre Puglisi, non siamo il Salvatore e non abbiamo bisogno di esserlo. Dobbiamo solo essere i veicoli della consolazione che abbiamo ricevuto, i facilitatori, coloro che umilmente permettono a Dio di fare da avvocato e in questo modo di cambiare le vite delle persone. Secondo la frase di p. Puglisi che ho citato sopra, "Se ognuno fa qualcosa, allora si può fare molto".




0 comments

Recent Posts

See All