Search
  • Luigi Gioia

Guadagnare l'altro

AUDIO


Uno dei miei personaggi televisivi preferiti è Miss Piggy del Muppet Show. E’ assolutamente convinta della propria bellezza e del proprio talento e indossa gli abiti più trash con tale sicurezza che la si può vedere facilmente lanciare tendenze di moda. Di fatti, il suo personaggio fu utilizzato come autore della Guida alla vita di Miss Piggy, che diventò un best-seller una trentina di anni fa. Miss Piggy iniziò a comparire in talk show e sulle copertine di riviste. Trovo che il suo tratto più accattivante sia la sua permalosità. Non c’è da scherzare con lei e sarebbe estremamente controindicato fare con lei ciò che Gesù ci raccomanda nel Vangelo, cioè rivolgerle qualsiasi tipo di osservazione. Ciò provocherebbe uno dei suoi caratteristici scatti d’ira e dovremmo allora subire il suo famoso colpo di karate accompagnato dal suo "hi-yah!", per poi vederla ricomporsi e lasciare la scena dignitosamente a testa alta.

Magari con meno teatralità, situazioni di questo tipo non sono rare nella vita reale. In una coppia o sul posto di lavoro, per esempio, giunge il momento temuto in cui sappiamo di dover parlare con un partner o un collega di un comportamento, un'abitudine, un gesto che ci sta causando sofferenza o fastidio o sta avendo conseguenze negative, magari involontariamente. Dovrebbe essere semplice, ma raramente lo è. Se l'altra persona è un po’ insicura, la minima osservazione la conduce a dubitare di se stessa, a mettere in dubbio la relazione, a deprimersi - la risposta tipica è: "Tutto è sbagliato in quello che faccio". Quando l'osservazione viene fatta ai perfezionisti, ne colgono immediatamente la fondatezza ma non possono permettersi di riconoscere che il loro torto. E poi ci sono persone semplicemente suscettibili, che sono facilmente ferite e sanno come ferire in cambio, quasi automaticamente. In questi casi, sappiamo che ci faranno pagare l'osservazione fatta in un modo o nell'altro, prima o poi.

Questo è il motivo per cui spesso preferiamo ritardare il confronto anche se siamo consapevoli che ciò potrebbe essere dannoso per le nostre relazioni e trasformare un attrito potenzialmente benigno in una fonte di grave crisi. Mi ha colpito a questo proposito un'osservazione di Papa Francesco in un suo scritto di alcuni anni fa. Tra i fattori più decisivi per promuovere la pace in qualsiasi tipo di comunità, elencò la determinazione ad affrontare i conflitti apertamente invece di cercare di ignorarli. E aggiunse che questo è un modo di praticare la beatitudine di Gesù "Beati gli operatori di pace!" (Mt 5,9).

Il problema è che spesso cerchiamo di affrontare i conflitti senza aver fatto chiarezza sufficiente sulle nostre emozioni e piuttosto come un modo per sfogare la nostra frustrazione o la rabbia. Oppure non sappiamo attendere il momento giusto, quando l'altra persona non è sotto pressione e quindi può essere più ricettiva. Oppure siamo semplicemente maldestri: non c'è niente di peggio che cominciare dicendo a qualcuno “Dobbiamo parlare”. Psicologi e terapisti del comportamento sostengono che questa è una delle espressioni che producono più ansia.

Nella pagina del Vangelo dove Gesù ci incoraggia a non aver paura di fare questo passo, l’accento non è sul "segnalare la colpa" ma sul "guadagnare" le altre persone creando tutte le condizioni possibili per aiutarle ad "ascoltare”, cioè per prevenire i meccanismi di difesa normali e spesso legittimi delle altre persone o essere sensibili alle loro insicurezze, ipersensibilità o suscettibilità. Nell'intenzione di Gesù, questo dovrebbe essere un atto di amore e cura per l'altro, mosso dal desiderio di proteggere e approfondire la relazione.

Nel Vangelo di Matteo questa pagina è preceduta dall'immagine della pecora smarrita e seguita dalla memorabile risposta di Gesù al tentativo di Pietro di quantificare l'ammontare del perdono che dobbiamo gli uni agli altri: "Ti dico, non sette volte, ma settantasette volte "(Mt 18,22). È un contesto quindi di sollecitudine disinteressata nei confronti degli altri che richiede di fare di tutto per guadagnare l'altra persona. Paolo esemplifica questo atteggiamento quando dichiara: "Sebbene io sia libero e non appartenga a nessuno, mi sono reso schiavo di tutti, per guadagnarne il maggior numero possibile" ed elenca il modo in cui si è adattato specialmente a coloro che sono più difficili da raggiungere: "Con i deboli sono diventato debole, per guadagnare i deboli" (1Co 19,19.22).


È interessante trovare questo atteggiamento riecheggiato nell'elenco delle qualità dei superiori di una comunità secondo la Regola di san Benedetto: devono essere capaci di adattarsi a tutti i temperamenti, tenere sempre la propria debolezza davanti ai loro occhi, mai “raschiare la ruggine fino al punto di rompere il vaso”, preferire sempre il perdono alla giustizia e agire con prudenza e carità (RB 2).

Ciò che Benedetto chiama "prudenza" è la capacità di essere flessibili, creativi, pieni di tatto nella scelta del modo, del tempo e del contesto per fare un'osservazione in modo tale che l'altra persona la riceva come segno di sollecitudine, di affetto e di genuino desiderio di aiutarla. Nel nostro linguaggio contemporaneo, possiamo dire che questo ci impone di fare affidamento sulla nostra intelligenza emotiva, cioè sulla nostra capacità di comprendere le emozioni in gioco sia in noi stessi che nell'altra persona e fare in modo che siano filtrate in modo tale da contribuire a una comunicazione efficace, alleviare lo stress, accrescere l’empatia e disinnescare i conflitti. Queste non sono qualità difficili da acquisire. Più di una volta sono rimasto piacevolmente sorpreso nei contatti che ho avuto con operatori di call center telefonici per il servizio clienti. Nonostante la mia intensa frustrazione per essermi dovuto districare tra interminabili opzioni pre-registrate e una lunga attesa in coda, il loro modo premuroso di rispondere davvero aiuta ad alleviare la tensione.

Nella mente di Gesù, tuttavia, il fattore chiave per affrontare conflitti, tensioni e crisi nei nostri rapporti con gli altri non è solo la nostra volontà di conquistarli essendo creativi, generosi e misericordiosi, ma risiede in quella che lui chiama la "chiesa". Fin dall'inizio, parla di un membro della chiesa che si rivolge a un altro membro della chiesa, il che significa che siamo consapevolmente parte di qualcosa di più grande di noi stessi al quale tutti dobbiamo rispondere e che ci fornisce il quadro di cui abbiamo bisogno ogni volta che un tentativo di riconciliazione si ritorce contro di noi o commettiamo errori. Non abbiamo bisogno di rappresentarci ciò che Gesù intende per "chiesa" qui in termini istituzionali o gerarchici. C'è una chiesa ogni volta che due o tre persone sono raggiunte dal messaggio di Gesù e cercano di metterlo in pratica nella loro vita: "Perché dove due o tre sono riuniti nel mio nome, io sono lì in mezzo a loro".

Riunendoci in questo modo ci rendiamo presto conto che non stiamo semplicemente ispirandoci al pensiero di un antico leader, ma che siamo diventati parte di una famiglia in cui i confini tra passato e presente, cielo e terra scompaiono - da qui l'insistenza sul parallelo tra cielo e terra nelle parole di Gesù: "In verità vi dico, tutto ciò che legherete sulla terra sarà legato in cielo, e tutto ciò che scioglierete sulla terra sarà sciolto nei cieli". Ma anche qualsiasi tentativo di risolvere i conflitti, promuovere l'unità, costruire il consenso sulla terra riflette la volontà del Padre, cioè il “cielo”: "Ancora una volta, in verità vi dico, se due di voi sono d'accordo sulla terra, qualsiasi cosa chiederete sarà fatta per voi dal mio Padre dei cieli ”(Mt 18,18-20). Questo è ciò per cui preghiamo ogni volta che recitiamo la preghiera che Gesù ci ha insegnato, il Padre nostro: "Sia fatta la tua volontà come in cielo così in terra", il che significa che l'unica vera immagine di Dio nel mondo ("su terra”) è una comunità di persone che aspirano alla concordia che esiste tra il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo (“nei cieli”).

Confrontati a tanti conflitti e tensioni potremmo spesso essere tentati di diventare cinici. La guarigione delle divisioni, tuttavia, è il lavoro di una vita, da riprendere ogni giorno - è il nostro pane quotidiano. Alla fine, ciò che ci rende chiesa potrebbe non essere tanto il nostro effettivo accordo, ma il nostro incessante desiderio e la nostra preghiera per raggiungerlo, confidando che il Padre verrà in nostro aiuto con la sua pazienza, il suo perdono e la sua consolazione, e cercando in tutto di guadagnarci gli uni gli altri.




Recent Posts

See All