Search
  • Luigi Gioia

La voce di cui fidarsi

AUDIO


Il Signore risorto chiede a Pietro e a noi di seguirlo così come siamo, non basandoci sulle nostre risoluzioni, la nostra forza e fedeltà, ma solo sulla sua misericordia, la sua pazienza e il suo amore. Possiamo seguirlo solo se ci assiste continuamente lui, ci viene a cercare quando ci perdiamo, si prende cura di noi e guarisce le nostre ferite. Siamo simili a delle pecore che, pur volendo seguire il loro pastore, hanno ancora bisogno della sua costante e amorevole vigilanza. Le prime generazioni di cristiani hanno capito questo molto bene e ciò spiega come mai il loro modo preferito di rappresentare il Signore risorto fosse l'immagine di un pastore che porta un agnello sulle sue spalle. La nuova presenza del Signore risorto adempie la promessa fatta da Dio tramite il profeta Ezechiele: “Come un pastore si prende cura del suo gregge che era disperso, così mi prenderò cura delle mie pecore. Le radunerò da tutti i luoghi in cui si erano sparpagliate nei giorni nuvolosi e di caligine. … Io stesso mi occuperò delle mie pecore e le farò riposare ”(Ez 34.12,15).

Gesù è il nostro pastore perché ci ama fino a donare la sua vita per noi: "Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici" (Gv 15, 13). Da qui la nostra fiducia in lui: “Le mie pecore ascoltano la mia voce; io le conosco ed esse mi seguono ”(Gv 10,27). Il Signore ci conosce. Questo fa eco alla risposta di Pietro a Gesù: "Signore, tu sai tutto, tu sai che ti amo" (Gv 21,17). Possiamo fidarci del Signore perché pur sapendo chi siamo veramente continua ad amarci, a prendersi cura di noi, a chiamarci amici, a donarci la vita. Non è scoraggiato dai nostri fallimenti, incoerenze e ostilità. Questo è il motivo per cui istintivamente lo ascoltiamo e riconosciamo la sua voce. Un bambino che si è perso in mezzo alla folla e che è spaventato sente le tante voci che cercano di incoraggiarlo. Tuttavia, solo quando percepisce le voci di suo padre e di sua madre si rassicura, perché solo in quelle voci riconosce l'amore che lo protegge.

Gesù è diventato il buon pastore sulla croce: lì ci ha dato la più alta dimostrazione dell'amore grazie al quale riconosciamo la sua voce. Il soldato romano credette, cioè riconobbe la voce di Dio, nel preciso istante in cui Gesù morì: "Davvero questi era il figlio di Dio" (Mt 27,54).

Gesù è diventato il nostro pastore perché, grazie a lui e in lui, possiamo diventare pastori l'uno dell'altro, secondo i doni che abbiamo ricevuto da Dio per radunare e edificare le nostre comunità. Siamo chiamati ad essere buoni pastori come genitori, educatori, politici, ministri, vescovi, presbiteri, leader di comunità. Se capiamo veramente ciò che dice Gesù, essere pastori significa conoscere le persone affidate alle nostre cure, amarle, dare la vita per loro nel senso di offrire loro il nostro tempo, la nostra energia, la nostra passione, la nostra immaginazione. Le persone a noi affidate non ci seguiranno perché abbiamo autorità su di loro, ma solo nella misura in cui riconoscono il nostro altruismo e il nostro impegno nelle nostre azioni, parole e decisioni. Più lascio che Dio sia mio pastore, cioè che mi ami e mi guidi, più riesco a fare lo stesso con le mie sorelle e i miei fratelli. Più ascolto la Parola di Dio, più il tono della mia voce riprodurrà quello della voce di Gesù – la sola voce di cui tutti potranno fidarsi e che volentieri seguiranno.




Recent Posts

See All