Search
  • Luigi Gioia

Per sentirci vivi

VIDEO


Per restare e soprattutto sentirci vivi dobbiamo imparare ad essere resilienti e costanti, in modo pratico, unico per ognuno di noi.

Quando parliamo di abbracciare una "regola di vita", la nostra attenzione va alla nozione di "regola" quando in realtà dovremmo concentrarci piuttosto sull'altro suo elemento, cioè la "vita".

Vogliamo essere e, cosa più importante, sentirci vivi

Ci rendiamo conto che troppo spesso viviamo per lavorare o per soddisfare le aspettative di altre persone o della società che abbiamo interiorizzato.

Questo vale anche per la fede: crediamo per essere più profondamente vivi - la fede è così importante per noi perché abbiamo sperimentato il suo potere vivificante

La nostra vita prospera nella misura in cui è armoniosa, coerente, integrata, il che ovviamente non è sempre possibile. Anche le crisi fanno parte della vita, come le sfide, i periodi in cui non abbiamo energie, le battute d'arresto.

Per restare e soprattutto sentirci vivi dobbiamo imparare ad essere resilienti e costanti, in modo pratico, in un modo unico per ognuno di noi

Costante è il ritmo che dobbiamo mantenere se vogliamo scalare una montagna:

Abbiamo bisogno di regolarità.

Sosteniamo la nostra motivazione con la prospettiva della gioia che ci attende quando raggiungiamo la cima della montagna.

Restiamo concentrati e vigili sui rischi dell'impresa.

Pianifichiamo in anticipo il percorso.

Il ritmo di un alpinista è una buona immagine di ciò che dovrebbe essere una regola di vita.

Ci permette di non confondere la "regola" con i "regolamenti".

Parlare di una "regola" per la nostra vita potrebbe non piacere a tutti.

Nella nostra società contemporanea siamo vincolati da regolamenti e procedure che rendono le attività sicure ed efficaci ma possono soffocare la spontaneità.

La conformità alle normative può diventare un alibi per evitare di impegnarci personalmente e sinceramente in ciò che facciamo.

Pensare al ritmo di un alpinista ci aiuta a vedere una regola di vita più come una forma di saggezza.

In effetti, la tradizione cristiana ha usato l'espressione "regola di vita" per parlare della saggezza che essa contiene per aiutarci a

· trovare il ritmo giusto per la nostra vita

· rimanere costanti, consapevoli, attenti in mezzo a tutte le pressioni, le preoccupazioni, le distrazioni

· sostenere la connessione tra attività e gioia

· imparare ad alimentare il più potente dei motori per agire, vale a dire il desiderio.

La saggezza per dare ritmo e stabilità alla nostra vita è più che mai necessaria considerate le pressioni di uno stile di vita che si è enormemente accelerato soprattutto a causa dei social media e delle aspettative della nostra società

· abbiamo priorità e piani, ma ci disperdiamo costantemente

· spendiamo la maggior parte delle nostre energie reagendo a un diluvio di sollecitazioni e perdendo il filo di ciò che conta davvero nella nostra vita

· finiamo per essere continuamente impegnati senza sapere come rallentare

· siamo stanchi e questo, a lungo andare, ha un impatto sulla nostra salute.

Il nostro modo abituale di cercare di risolvere questa spirale negativa è prendere delle risoluzioni, che non funzionano perché le risoluzioni affrontano aspetti isolati della nostra vita, ma non la considerano come un tutto

· Quindi c'è una grande differenza tra prendere risoluzioni e adottare una regola di vita

· Una regola di vita ci consente di lavorare per cambiare le nostre abitudini malsane impegnandoci a mantenere un ritmo migliore e più equilibrato.

· Un ritmo più adatto non solo ai nostri obiettivi o doveri o bisogni, ma anche a ciò che ci dà pace e gioia - ci fa sentire vivi

Una regola di vita ci insegna ad agire deliberatamente nella nostra vita e per essere responsabili verso noi stessi per il nostro benessere, sia emotivamente che spiritualmente

Una regola di vita ci insegna a essere realisti riguardo ai nostri limiti e a riconoscere la nostra necessità di adottare una struttura per mantenere il nostro ritmo e rimanere saldi nel nostro viaggio.

Infine, una regola di vita ci insegna a prestare maggiore attenzione a noi stessi, agli altri e a Dio - e ci dà una grande libertà. Questa libertà è espressa con sagacia nella frase attribuita al famoso giudice della corte suprema americana Oliver Wendell Holmes:

"Il giovane conosce le regole, ma l'anziano conosce le eccezioni."







0 comments

Recent Posts

See All